Home / curiosità / Cratere di Batagaika: Una gigantesca voragine causata dal riscaldamento globale

Cratere di Batagaika: Una gigantesca voragine causata dal riscaldamento globale

Il cratere di Batagaika, una voragine profonda più di 100 metri e lunga un chilometro che si è aperta nel territorio siberiano 25 anni fa. Le popolazioni della zona lo chiamano la Porta dell’Inferno per i terrorizzanti rumori provenienti dal sottosuolo, in realtà il cratere di Batagaika è un ”cratere termocarsico”. Si tratta, in pratica, di una voragine nata per lo scioglimento del permafrost, il ghiaccio perenne che caratterizza buona parte del sottosuolo della Siberia.

Secondo i ricercatori dell’Institute of Applied Ecology oh the North, North East Federal University il riscaldamento globale sta dietro la nascita del cratere. L’innalzarsi delle temperature avrebbe infatti determinato lo scioglimento del permafrost della taiga siberiana. Al suo interno i paleontologi hanno trovato i resti di un bisonte, di alcuni cavalli e di un mammuth: scoperto anche un altro cavallo risalente a 4.400 anni fa. Non si tratterebbe comunque dell’unico caso di voragine, nelle zone più vicine al Circolo polare artico ne esistono altre, seppur di dimensioni più piccole.