Home / cronache / La storia di Shiloh, la bambina “sirena”

La storia di Shiloh, la bambina “sirena”

Shiloh Pepin, una bambina nata con una sindrome molto rara chiamata sirenomelia, ovvero è nata con le gambe fuse insieme. Shiloh PepinLa sua malformazione solitamente porta alla morte dopo uno o due giorni di vita, a causa delle complicazioni legate ai reni anomali e al mancato sviluppo completo della vescica ma Shiloh è sopravvissuta ed è cresciuta vivendo fino a 10 anni. La sua storia è stata al centro dei moltissimi programmi televisivi americani poichè malgrado la disabilità, la bambina ha sempre dimostrato di avere grande coraggio e di voler sempre sorridere. Le cause della rara malattia che ha colpito lei e altri bambini non sono oggi ancora chiare anche se sembra siano legate all’alterazione della vascolarizzazione della parte inferiore del corpo nelle prime fasi della formazione dell’embrione.
La piccola aveva solo un rene funzionante ed era priva del colon inferiore e degli organi genitali. Non è stato possibile intervenire chirurgicamente poichè c’era il pericolo che i vasi sanguigni che attraversavano da parte a parte il suo sistema circolatorio venissero recisi. Ma era stata sottoposta a due trapianti di rene. Shiloh però non è sopravvissuta, a causa di una febbre alta che si è rapidamente trasformata in polmonite. Ma grazie ai video e alla sua forza d’animo, della bambina sirena sempre sorridente si continua e si continuerà a parlare.

 notizie.it